Iscrizione Newsletter!

LETTURA NEWS

LA PARTECIPAZIONE DI SIML AL 30° CONGRESSO NAZIONALE DELL’ASSOCIAZIONE SUD-COREANA DI SALUTE OCCUPAZIONALE E AMBIENTALE

19/11/2018

Il 2-3 novembre 2018, SIML ha partecipato al 30° Congresso Nazionale della Società Coreana di Medicina del Lavoro (Korean Society of Occupational and Environmental Health, KSOEM).

Il 2-3 novembre 2018 la Società Coreana di Medicina del Lavoro (Korean Society of Occupational and Environmental Health, KSOEM) ha tenuto il suo congresso nazionale nel confortevole ed efficiente Hotel “Mayfair” di Seul, con la partecipazione di circa 200 professionisti provenienti da varie parti del Paese. L’obiettivo principale dell’evento era quello di celebrare il trentesimo anniversario della società, col contributo di varie altre società nazionali di Medicina del Lavoro. Per questa occasione il prof. Seong-Kyu Kang, organizzatore dell’evento e vice-presidente ICOH, ha organizzato due sessioni internazionali per il confronto della pratica e della formazione in Medicina del Lavoro in differenti parti del mondo e cioè in Europa, America e Asia. I presidenti/rappresentanti delle Società o Associazioni di Sud Corea (J. Song), Thailandia (A. Bandhucul), Giappone (N. Kawakami), Stati Uniti (W. Butcha), Francia (D.J. Dewitte) e Italia hanno presentato lo stato dell’arte nei loro rispettivi paesi. L’Italia era rappresentata dal prof. Maurizio Manno, inviato dal nostro Presidente impossibilitato a partecipare per importanti impegni istituzionali.

In particolare è stata presentata la storia e la pratica (al mattino) e la formazione (nel pomeriggio) della Medicina del Lavoro. Entrambe le sessioni sono state un’opportunità unica per confrontare i diversi approcci utilizzati nei diversi paesi, attraverso sei presentazioni chiare e dettagliate, tutte in lingua inglese. La sessione del mattino è stata molto informativa nel descrivere il contesto temporale, storico, economico e socioculturale in cui ciascuna società o associazione fu fondata e si sviluppò fino ai giorni nostri. Appariva chiaro che gli argomenti e i problemi di base che i Medici del Lavoro si trovano ad affrontare oggi nel perseguire la salute dei lavoratori sono in realtà molto simili nei diversi paesi. Tuttavia, l’efficacia delle soluzioni proposte e attuate varia in misura anche significativa a seconda del contesto legale, economico, culturale e politico di ciascun paese. Il quadro, oltre a confermare le difficoltà e i limiti tradizionali che i Medici del Lavoro e le relative istituzioni e associazioni devono affrontare, è anche condizionato dall’attuale situazione economica in molte parti del globo non ottimale, come è noto.

Nella sessione pomeridiana, gli stessi relatori hanno descritto la struttura e i contenuti dei rispettivi programmi nazionali di formazione specialistica, fornendo dati aggiornati, sia qualitativi che quantitativi, tra cui: numero di medici in formazione, programmi didattici, durata, contenuti e accreditamento dei corsi, strumenti di valutazione, formazione continua, oltre che supporto economico e costi. Venivano inoltre descritte l’attuale cornice legale e le opportunità di lavoro per i giovani Medici del Lavoro. Anche qui apparivano evidenti differenze significative nelle dimensioni e contenuti dei programmi formativi, sebbene due messaggi comuni emergevano chiari da tutte le presentazioni: il contributo fondamentale delle società e associazioni nazionali alla formazione in Medicina del Lavoro e l’esigenza che più attenzione e risorse andrebbero ad essa devolute, sia nel pre- che nel post-laurea. Se ciò non avvenisse la Medicina del Lavoro potrebbe diventare la Cenerentola di tutte le specialità mediche.  Gli atti delle due sessioni saranno pubblicati sulla rivista nazionale coreana di Medicina del Lavoro.